Il frutto estivo che disseta


D’estate dissetarsi  è un dovere, ricordiamoci che consumare frutta e verdura è il modo ottimale per recuperare i sali minerali persi con la sudorazione.

Il sorriso colorato e ricurvo di una fetta di anguria in estate fa festa, soprattutto se pensiamo non solamente all’allegria che infonde ma anche alle proprietà benefiche di questo simpatico vegetale, prima fra tutte quella di placare l’arsura estiva che ci assale. Grande alleata dell’afa di questa stagione, l’anguria infatti è capace di dissetare tanto quanto una fresca bevanda. Insomma una scelta quella di consumare il cocomero, da bere, oltre che da mangiare!

Il suo contenuto di acqua è pari al 95 per cento circa del totale, la batte solo il cetriolo che però, dal gusto particolare, non si può certo paragonare alla dolce polpa zuccherina e piacevole dell’anguria. Un colore che va dal rosa chiaro al rosso rubino, nasconde pochissime calorie e può rientrare in un regime alimentare dietetico per dimagrire un po’. Una porzione da 100 grammi contiene solo una decina di grammi di carboidrati, al pari delle mele. Inoltre l’anguria contiene fibra, quindi ha un suo perché anche consumata a fine pasto risulta digeribile.

Ricco di acqua, vitamine e potassio, soddisfa il gusto delle diete dei grandi e dei più piccini, stimola la diuresi, è consigliato nelle diete ipocaloriche ed è un alleato che tiene sotto controllo la fame. Dunque andiamo tutti a comprare il frutto rosso dell’estate, per una fetta che soddisfi le porzioni consigliate di frutta al giorno che per gli adulti sono tre.

E non per forza da sola, perché con l’anguria si possono realizzare tante ricette vegetariane sfiziose e semplici alla portata di tutti, come gli spiedini, un primo piatto di riso freddo con anguria e primosale, la tagliata di tacchino con anguria, il carpaccio di orata e anguria alla menta, il gelato e la granita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *